140 anni dalla morte di H.C.Andersen (4 agosto 1875 - 4 agosto 2015)


Sapeva che quella era l'ultima sera in cui avrebbe visto colui per il quale aveva abbandonato il suo popolo, la sua casa, la sua voce straordinaria, ed aveva sofferto quotidianamente un tormento senza fine - e lui non ne aveva idea. Questa era l'ultima notte nella quale avrebbe respirato la sua stessa aria, o ammirato il mare profondo o il cielo stellato. Una notte eterna senza sogni l'attendeva, perchè lei non aveva un'anima e non poteva guadagnarne una. 
 (da La Sirenetta, di H.C. Andersen trad. L.W. Kingsland) Fonte: Le Fiabe

Illustrazione di Anne Grahame - FOTO http://fineartamerica.com/art/paintings/fairy/all
La vita di per sé è la favola più fantastica, 
parola di H.C. Andersen

Commenti

  1. Ho sempre o molto spesso visitato questo blog con profonda ammirazione e non so perchè poi non mi sia mai iscritta...Forse incuriosita proprio dallo scritto dimenticavo d unirmi? Chissà..molto strano...Ho vissuto con le fiabe essendo una bambina mandata in collegio presto e hanno incrementato la mia fantasia non poco... Andersen soprattutto e ricordo anche il film con Danny Kaye e io piccolissima, con la mia maestra di danza che ci spiegava quello che le nostre testoline riuscivano a registrare. Sono passati gli anni ma tutto questo mondo lo trovo ancora molto affascinante, ricco di versioni e misteri che costantemente saltano fuori e mi sembra di essere con Hans e la sua nave mentre sta per approdare a Copenaghen,,,
    Mi sono iscritta finalmente, e sarei onorata e felice di avervi uniti anche al mio blog.
    Grazie e un abbraccio fantastico!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non ti eri iscritta perchè eri rimasta incantata? Succede in questo ambiente...:) Andersen rende poetico il dolore e forse per questo e sue fiabe sono indimenticabili. Grazie mille (se non sbaglio mi sono iscritta al tuo blog, comunque, ora controllo)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari